Obama e Papa Francesco a Bologna il 22 Febbraio...1530

Ci sono eventi che accadono una volta sola nella vita, altri una sola volta nell'intera storia. Chi era presente non ha potuto dimenticarlo e chi non c'era può solo immaginare lo splendore dei giorni in cui, quasi cinquecento anni fa, Bologna fu il centro del mondo. Il sovrano degli Stati Tedeschi, Carlo V d'Asburgo, erede del più vasto dominio mai conosciuto e uomo più potente della Terra, incontrò qui Giulio de' Medici, Papa Clemente VII, per ricevere dalle sue mani la corona imperiale.

Se oggi Barack Obama e Papa Francesco si dessero appuntamento sotto le due torri, forse non genererebbero lo stesso stupore. Bologna fu scelta perché era la seconda città dello Stato Pontificio, non era particolarmente ostile agli imperiali e consentiva di mettere in scena un incontro sfarzoso senza lasciare che Carlo raggiungesse Roma, dopo averne permesso il saccheggio tre anni prima.

Per quattro lunghi mesi i due soggiornarono a ridosso della piazza, a pochi passi di distanza l'uno dall'altro, incontrandosi in segreto per parlare del futuro dell'Europa e preparando minuziosamente la più sfarzosa cerimonia di tutti i tempi.